SOPRALLUOGO SUI CANTIERI PIEMONTESI DELLA COMMISSIONE TECNICA DI VERIFICA IMPATTO AMBIENTALE

Si è svolto il 27 novembre sui cantieri di Radimero, Novi Ligure, Castagnola, Vallemme e nel sito di deposito Romanellotta uno dei sopralluoghi del gruppo istruttore della Commissione tecnica di Verifica dell’impatto ambientale del ministero dell’Ambiente (CTVA).

La Commissione ha verificato come sono stati messi in opera, durante la realizzazione dei lavori, i presidi di tutela ambientale prescritti dal ministero dell'Ambiente per consentire l'operatività dei cantieri nel rispetto dell'ambiente. Sono state verificate, ad esempio, le misure previste dal Protocollo amianto come la rete delle centraline per il monitoraggio dell'aria, gli impianti di tutela della salute dei lavoratori indicati dallo Spresal negli scavi in presenza di amianto, le modalità di gestione in sicurezza delle terre nei cantieri con scavo meccanizzato con TBM e con scavo tradizionale e le procedure per il trattamento delle terre addizionate con schiumogeni.

La Commissione ministeriale è stata guidata dal presidente Arturo Montanelli e accompagnata dal presidente dell'Osservatorio Ambientale Claudio Coffano, oltre che dai rappresentanti di Regione Piemonte, Arpa Piemonte, Rfi, Italferr e Cociv.

“Ogni grande opera complessa – ha spiegato Montanelli - viene seguita dal ministero dell’Ambiente anche durante il corso dei lavori, attraverso un gruppo di lavoro dedicato costituito da tre commissari della Commissione Valutazione impatto ambientale delle grandi opere. In particolare le opere in galleria come il Terzo Valico presentano quadri ambientali molto complessi ed è essenziale attuale una sinergia costante fra piani di monitoraggio, report ambientali e eventuali modifiche di procedure connesse alla gestione delle criticità”.

Secondo Coffano la visita è stata molto positiva: “SI sono potuti confrontare sul campo sia gli aspetti tecnici positivi del progetto e dei lavori, sia le criticità che sono state oggetto di approfondimenti da parte dell’Osservatorio Ambientale e che hanno portato a predisporre documenti di riferimento, quali ad esempio il Protocollo amianto, successivamente approvati e resi prescrittivi dalla CTVA. La Commissione ha anche espresso soddisfazione sulla modalità operativa dell’Osservatorio Ambientale “di prossimità”, uno strumento indispensabile per analizzare le criticità che man mano si verificano e porre prontamente rimedio tramite gli opportuni correttivi. Correttivi che possono essere direttamente dettati dall’Osservatorio o, se più complessi, sottoposti all’approvazione della CTVA al fine di renderli prescrittivi per il General Contractor”.

I sopralluogo della Commissione ha coinciso con la visita dei presidenti della Regione Piemonte Sergio Chiamparino e della Regione Liguria Giovanni Toti al cantiere di Pozzo Radimero, dove da pochi giorni è entrata in funzione Daniela, la seconda Tbm (Tunnel Boring Machine) delle quattro impiegate nella costruzione dell’opera sul versante piemontese.