TERZO VALICO: AGGIUDICATI IN VIA DEFINITIVA ALTRI DUE BANDI DI GARA

Nel mese di gennaio sono stati aggiudicati in via definitiva il terzo e quarto dei bandi di gara per lavori del Terzo Valico pubblicati da Cociv a partire dallo scorso aprile, relativi ai lotti Cravasco e Radimero (Valico). Sono quindi stati firmati i contratti con le imprese aggiudicatrici e i lavori potranno partire a breve.

Il lotto Cravasco, nel comune di Campomorone in Liguria, riguarda la realizzazione con tecnica tradizionale di circa 4,7 km della galleria di Valico - che complessivamente è lunga 27 km - ed è stato aggiudicato per un importo di 215,3 milioni di euro a Ctg Consorzio Tunnel Giovi, costituito dalle imprese Pizzarotti e Collini. Lo stesso consorzio era risultato vincitore per un importo di 186 milioni anche della seconda gara, quella per il lotto Castagnola nel vicino comune di Fraconalto, in Piemonte, relativo alla realizzazione con tecnica tradizionale di circa 3,6 km della galleria di Valico, di cui 1,5 in direzione nord e 2,1 in direzione sud.

Il lotto Radimero (Valico), nel comune alessandrino di Arquata Scrivia, riguarda lo scavo di altri 7,7 km della galleria di Valico. Anche in questo caso l’appalto, per un importo di circa 189 milioni di euro, è stato vinto da un raggruppamento di imprese: la Toto Costruzioni Generali e la Seli Overseas, specializzate nello scavo meccanizzato (cioè con l’utilizzo di talpe), la tecnica con cui viene realizzato questo tratto di galleria.

Sono dunque quattro in tutto i lotti sinora banditi e aggiudicati in via definitiva. Il primo in linea di tempo infatti – Val Lemme, nel comune di Voltaggio – è stato vinto dalla Grandi Lavori Fincosit  per un importo di quasi 222 milioni di euro e riguarda la realizzazione di 3,5 km circa della galleria di Valico, di cui 2 in direzione nord e 1 in direzione sud.

L’importo totale aggiudicato sinora è quindi di circa 812 milioni di euro, a fronte di un importo totale messo a gara di oltre 943 milioni, mentre l’importo restante ancora da affidare è di circa 1 miliardo e 197 milioni di euro.