Domenica 9 dicembre sarà il mio ultimo giorno come Commissario di governo per il Terzo Valico...

Gentilissimi,

domenica 9 dicembre 2018 sarà il mio ultimo giorno come Commissario di governo per il Terzo Valico, ruolo da cui per ragioni personali e professionali ho rassegnato le dimissioni il 10 novembre scorso.

Come ho dichiarato in occasione delle mie dimissioni, dopo tre anni di lavoro sul territorio sento di aver raggiunto il mio obiettivo, che era quello di porre l’accento sul “come accompagnare la realizzazione di un’opera” esclusivamente nell’interesse pubblico e, in base al principio di trasparenza, desidero che le attività che ho svolto siano accessibili a tutti. A questo proposito, è possibile scaricare i rapporti delle azioni svolte dal sito terzovalico.mit.gov.it. 

I risultati ottenuti non sarebbero stati tuttavia possibili senza la straordinaria collaborazione che ho incontrato sul territorio. Di alcuni di questi risultati vado particolarmente fiera: il commissariamento di Cociv che ha consentito di far ripartire nel rispetto della legalità i lavori bloccati nel 2016 a seguito delle indagini giudiziarie; la revisione degli accordi procedimentali per le opere compensative; lo spostamento della sede dell’Osservatorio Ambientale del Terzo Valico da Roma ad Alessandria, con l’ingresso come membri effettivi delle Arpa Liguria e Piemonte e dell’Istituto superiore di sanità; il lavoro innovativo svolto sulla gestione del rischio amianto in seno all’Osservatorio e con la collaborazione degli enti di controllo, lavoro che rappresenta oggi una best practice a livello non solo nazionale; l’approvazione da parte del Cipe del finanziamento di 60 milioni per il Progetto di sviluppo condiviso dell’Alessandrino, in grado di sfruttare le opportunità derivanti dal Terzo Valico per una crescita sociale ed economica del territorio. 

Sono solo alcuni dei tanti aspetti di un progetto molto complesso, così come complesso era il compito che sono stata chiamata a svolgere e che non avrei certo potuto portare avanti da sola. Nei tanti messaggi che ho ricevuto a seguito delle mie dimissioni, mi ha fatto grande piacere cogliere un riconoscimento per il metodo adottato. Un metodo basato sull’ascolto, il dialogo e la trasparenza, grazie al quale sono state avviate e messe in atto “buone pratiche” che, mi auguro, potranno essere un esempio replicabile.

Dal 9 dicembre dunque le mie dimissioni divengono effettive. Contestualmente - e fino a diverse indicazioni da parte del Ministero delle Infrastrutture e trasporti - tutte le attività di accompagnamento alla realizzazione del Terzo Valico che dal 2016 ho creato e gestito, insieme alla mia struttura, vengono interrotte. Di conseguenza, dalla stessa data i canali di comunicazione del Commissario Terzo Valico – l’ufficio stampa, la pagina Facebook, il canale YouTube, l’account Twitter e la newsletter - cessano di operare, mentre il sito terzovalico.mit.gov.it resta accessibile, ma non sarà più aggiornato, né pubblicherà notizie.

Cessano di operare anche il servizio Infopoint di risposta ai cittadini via telefono e mail, l’attività di ascolto sul territorio finalizzata a gestire le criticità legate ai cantieri dell’opera e la trasmissione dei dati sul monitoraggio della presenza di amianto sui 17 monitor distribuiti nei 14 comuni interessati.

Nell’accomiatarmi dal territorio ligure e piemontese su cui in questi anni ho con passione lavorato mi preme ringraziare tutte le istituzioni con le quali negli anni è stata costruita una collaborazione basata sulla reciproca stima e condivisione degli obiettivi e delle modalità con cui raggiungerli. Con alcune di esse il rapporto è stato particolarmente stretto e continuativo e desidero qui esprimere nei loro confronti un ringraziamento particolare:

la Regione Piemonte, in particolare la Presidenza, il Gabinetto, tutta la Giunta regionale, la Direzione Ambiente, la Direzione generale, la Direzione Infrastrutture strategiche, la Direzione Cave e miniere;

la Regione Liguria, in particolare la Presidenza, il Gabinetto, tutta la Giunta regionale, la Direzione Infrastrutture e la Direzione Ambiente;

il Ministero Infrastrutture e trasporti, in particolare il Gabinetto del Ministro, la Direzione generale Trasporti e infrastrutture ferroviarie, la Direzione generale Sistemi informativi e statistici, la Nuova Struttura tecnica di missione, l’Ufficio Legislativo;

il Ministero dell’Ambiente e della tutela del territorio e del mare, l’Osservatorio Ambientale del Terzo Valico;

i Sindaci dei comuni di Alessandria, Arquata Scrivia, Campomorone, Carrosio, Ceranesi, Fraconalto, Gavi, Genova, Novi Ligure, Pozzolo Formigaro, Serravalle Scrivia, Tortona, Vignole Borbera, Voltaggio;

le Prefetture di Alessandria e di Genova;

la Provincia di Alessandria e la Città metropolitana di Genova;

il Provveditore Piemonte Valle D'Aosta e Liguria;

le Organizzazioni sindacali delle categorie edili, regionali e provinciali;

Rete Ferroviaria Italiana, Italferr, Polo Mercitalia;

l’Autorità di sistema portuale del Mar Ligure occidentale;

Arpal Liguria, Arpa Piemonte, Asl Alessandria, Asl3 Liguria;

Anac, Polizia di Stato, Digos di Alessandria e Genova;

il Consorzio Cociv;

i partecipanti all’Ost e ai focus group per il Progetto condiviso di sviluppo dell’Alessandrino, i partner della Ciclocamminata 2017;

le redazioni liguri e piemontesi di quotidiani, web, radio e tv.

 

Alcune persone, al di là del loro ruolo, mi sono state accanto offrendomi competenze e sostegno in un modo che ha reso il mio compito non solo più efficace, ma anche più ricco dal punto di vista umano. Desidero esprimere loro un ringraziamento speciale: Andrea Pillon, Mauro Bonaretti, Alberto Cena, Lorenzo Fazio, Luciano Violante, Ennio Cascetta, Mario Nobile, Pinuccio Catalano, Stefano Zunarelli, Pierluigi Coppola, Stefano Esposito, Marco Scibona, Daniele Borioli, Sergio Chiamparino, Giacomo Giampedrone, Andrea Carpi, Claudio Coffano, Paolo Platania, Maurizio Gentile, Aldo Isi, Daniela Lezzi, Paolo Grassi, Monica Valeri, Daniele Scataglini, Marco Gosso, Pierluigi Navone, Maria Teresa Di Matteo, Michele Petrelli, Giuliana Fenu, Roberto Ronco, Paolo Emilio Signorini, Marina Ruvolo, Massimo Cogliandro, Angelo Robotto, Stefano Maggiolo, Massimo Minella, Raffaella Scalisi, Alberto Mallarino, Antonio Moscato, Massimo D’Angelo, Marco Rettighieri, Giovanni Parisi, Micol Maggiolini, Marco Pasquetti.

Ringrazio di cuore il mio staff per l’impegno, la dedizione e le grandi capacità: Maria Cristina Venanzi, Alessandro Talarico, Antonella Tassone, Chiara Camoirano, Marcello Curci.

Una delle persone più importanti, per l’aiuto nel tenere la barra sembra dritta, purtroppo non è più tra noi, e ci manca immensamente: Luigi Bobbio.

A tutti un caloroso saluto e un augurio di buon lavoro per il futuro,
Iolanda Romano